Translate

giovedì 6 febbraio 2020

Paolo Palumbo ha commosso l’Ariston raccontando la sua storia-Il discorso completo

 «Avete usato il vostro tempo nel migliore dei modi? Avete detto tutti i “Ti voglio bene” che volevate? Avete cercato di fare il lavoro che sognavate di fare per svegliarvi col sorriso?»


Paolo Palumbo è un giovane di 22 anni, di Oristano, malato di Sla. Ha provato a partecipare a Sanremo Giovani con un brano scritto da lui stesso. La canzone è stata scartata ma Amadeus l’ha ripescata e ha invitato il giovane sul palco di Sanremo 2020 a eseguirla. Io sono Paolo è il titolo del brano che al teatro Ariston è stato interpretato dal rapper Kumalibre. 
Al termine dell’esibizione, Paolo Palumbo ha commosso l’Ariston raccontando la sua storia attraverso l’uso di un comunicatore vocale che interpreta i movimenti oculari del giovane traducendoli in parole.



Il discorso completo di Paolo Palumbo

Buonasera a tutti, lasciate che mi presenti, mi chiamo Paolo Palumbo, ho 22 anni. Sono nato in Sardegna e da 4 anni combatto contro la Sclerosi Laterale Amiotrofica, conosciuta come SLA. Ringrazio lo staff di Sanremo e Amadeus per avermi dato l’opportunità di essere qui stasera e di portare il mio messaggio usando questa voce un po’ particolare. 
Chiudete gli occhi: provate a immaginare che la vostra quotidianità, anche nei gesti più piccoli, venga improvvisamente stravolta. Immaginate che il corpo che per anni vi ha sostenuti non risponda più ai vostri comandi, e che non possiate più provare il piacere di dissetarvi con un sorso d’acqua, di canticchiare la vostra canzone preferita, o di fare un bel respiro profondo. 
In Italia, siamo oltre 6000 ad aver provato queste sensazioni e ad aver fatto degli accertamenti che ci hanno catapultato in un mondo ignoto. Sapete chi è la persona che mi sta vicino? Si chiama Rosario, e non è solo mio fratello. È anche il vero eroe di questa storia. Pensate che al momento della diagnosi lui ha lasciato tutto per prendersi cura di me, diventando le mie gambe e le mie braccia. Grazie a lui le mie incertezze sono scomparse. 
Certo, ogni tanto mi fa arrabbiare e lo rimprovero, ma mi basta la dolcezza con cui lui mi parla a far tornare tutto come prima. Rosario e la mia splendida famiglia mi hanno insegnato cosa significa la parola sacrificio, dedicandomi la loro vita senza chiedermi nulla in cambio, se non di rimanere qui con loro.
Grazie al loro amore ho scoperto una forza interiore che non sapevo di avere e che vorrei trasmettervi, perché sono convinto che ce l’abbiamo tutti, anche se non ce ne rendiamo conto. È stato grazie a questa forza che la SLA non è riuscita a impedirmi di diventare uno chef e di realizzare tutto quello che avevo in mente. 
Perciò, la mia non è la storia di un ragazzo sfortunato, ma quella di un ragazzo che non si è arreso davanti alle difficoltà e ha imparato a farne un punto d’appoggio su cui costruire qualcosa di nuovo. Quando vi dicono che i vostri sogni non si possono realizzare, continuate dritti per la vostra strada e seguendo il cuore, perché i limiti sono solo dentro di noi. La vita non è una passeggiata e dovremmo fronteggiare le sfide che ci mette davanti con tutto l’entusiasmo possibile. 
Poco più di un mese fa ho affrontato un momento difficile, una crisi respiratoria. Se non fosse stato per la bravura dei medici e il sostegno di tutti quelli che sono accanto a me, oggi non ci sarei. Quando mi sono risvegliato dalla rianimazione ho riflettuto sulla fortuna di essere vivi. 
Vi faccio una domanda: avete usato il vostro tempo nel migliore dei modi? Avete detto tutti i “Ti voglio bene” che volevate? Avete cercato di fare il lavoro che sognavate di fare per svegliarvi col sorriso? 
In questi ultimi anni ho imparato che il tempo che abbiamo a disposizione è poco e prezioso e dovremmo viverlo intensamente, riempiendolo di amore e di altruismo. Date al mondo il lato migliore di voi e vedrete che le cose andranno meglio, perché se abbiamo bisogno di un cambiamento è soprattutto nella mente, dove stagnano le disabilità più pericolose come la mancanza di empatia e tolleranza. 
Malattie come la mia ci rendono uguali, colpiscono senza giudicare le nostre storie, la nostra bontà, il nostro ceto sociale o i nostri progetti. Perciò, nel vostro piccolo, fate quanto più potete per aiutare il prossimo. Non buttate via la vostra vita, e quando di fronte a un problema crederete di non farcela, ascoltate e riascoltate la mia canzone, fatela sentire a chi amate e pensate a me e a tutti quei guerrieri che ogni minuto lottano per vivere. Grazie a tutti.

4 commenti:

  1. Nulla da aggiungere...Ha detto tutto Paolo...

    RispondiElimina
  2. Bellissima testimonianza. Nelle difficoltà che si incontrano, non biosgna arrendersi ma sempre guardare avanti. Per me cristiano, il guardare avanti è fidarmi di quello che Gesù mi dice nel Vangelo: " Chi crede im enon morira, ma avraà la vita eterna".

    RispondiElimina
  3. Che Dio ti benedica!Trasmetti forza e fede e la tua testimonianza e'un esempio fulgido per tutti!Grazie Paolo!La tua vita e' un canto di gloria e di lode al Signore!🌞⭐🎵

    RispondiElimina
  4. Ognuno di noi ha dei problemi, abbiamo anche gli scheletri nell'armadio.
    Storie piccole e grandi, come questo ha la forza di emergere dal buio. Questo ragazzo ha molta fede, tutti noi dobbiamo averla. Dio benedica lui e i suoi angeli. Grazie

    RispondiElimina