Translate

giovedì 18 luglio 2019

Tu che hai abortito, ho qualcosa da dirti “Soeur Emmanuel Maillard”

VIDEO
 

Sono tornata completamente liberata e guarita - A Medjugorje la testimonianza di Christe


Testimonianza di Christe Tobler dalla Svizzera


Un anno fa in me è nato il desiderio di venire a Medjugorje. Poiché, per ragioni di salute, mi era impossibile venire senza mio marito, speravo che mi avrebbe accompagnato. La sua risposta però è stata: “Non ho bisogno di raduni di massa del genere”. Triste, ma speranzosa, ho atteso. E la Madonna ci ha chiamato. Nella primavera scorsa ci ha fatto visita un padre benedettino, che per anni è venuto a Medjugorje per il Festival dei Giovani. Ne parlava con tale entusiasmo che era chiaro che la scintilla doveva scoccare: “Allora devo venire anch’io, vengo con te!”, mi ha detto mio marito. Vivevo già da anni in una paura inspiegabile, nessuno sapeva da dove essa provenisse e quale ne fosse il motivo. Negli ultimi anni quella paura era diventata sempre più forte. Cercavo di vincerla con varie terapie e sforzandomi io stessa, ma tutto risultava inutile. La paura mi accompagnava sempre. Unita ad altri due problemi — quello di alcuni svenimenti e quello di alcune difficoltà cardiache —, la paura diventava sempre più grande. Dal punto di vista medico tutto ciò era privo di spiegazione, poiché non vi erano cause organiche. All’interno del mio ambiente religioso ed ecclesiale, mi dicevano sempre che si trattava di una lotta spirituale. La mia vita quotidiana era sempre più segnata da confusione, difficoltà ed era piena di minacce. I sintomi di cui soffrivo mi limitavano e stabilivano il programma della mia vita. Non ero più in grado di concordare alcuna scadenza fissa, trascuravo il mio impegno di cantare nel coro e vivevo dei periodi in stato depressivo: avevo paura di stare tra la gente e di uscire di casa da sola. Mi disperavo sempre di più, temevo la mia paura, ero dilaniata tra la paura e la fiducia in Dio e litigavo sempre con lui. Mi chiedevo se quella non fosse una conseguenza della mia preghiera, se non dovessi per caso smettere di pregare. Appesantiti oltre misura dalle mie preoccupazioni e da molte altre incombenze affidateci, nel luglio del 2014, siamo venuti in aereo a Medjugorje, insieme a nostro figlio, monaco benedettino. Per noi genitori quello è stato un dono particolare: dal momento che lui conosceva Medjugorje, ci ha fatto da guida spirituale. Insieme abbiamo vissuto una settimana portentosa, piena di benedizioni. Ci colmava una strana pace, che era presente ovunque. Moltissima preghiera e moltissime nazionalità tutte insieme, sullo stesso cammino verso Dio! È qualcosa che tocca, che smuove per grazia, arricchisce. È un altro mondo, un’esperienza del Tabor. In quella settimana abbiamo davvero vissuto un pezzetto di Cielo sulla terra. Al ritorno abbiamo chiaramente deciso di tornare anche il prossimo anno. Ma ora la mia testimonianza, in segno di grande ringraziamento alla Madonna: qui mio marito si è riaccostato per la prima volta dalla sua giovinezza al Sacramento della Confessione ed ha riscoperto il Rosario. Da allora preghiamo il Rosario insieme ogni giorno. Nostro nipote, fino all’età di tre anni, non ha voluto parlare, comunicava dando colpi. Voleva esprimersi, ma non poteva. Dopo aver affidato alla Madonna tutte le nostre richieste sulla Collina delle apparizioni, e dopo che una sera avevamo pregato in particolare per quel bambino, il blocco della parola è svanito e, al nostro ritorno, egli ha cominciato a ripetere le sue prime parole. Ora già parla, chiacchiera! Io personalmente ho ricevuto un dono particolarmente grande: durante tutta la mia permanenza a Medjugorje non ho avuto alcuna difficoltà: nessuno svenimento, nessun problema al cuore e nessuna paura. Mi muovevo da sola e sono stata tra la gente senza problemi. È stato semplicemente miracoloso. Solo una volta tornata alla mia quotidianità ho compreso che ero stata completamente liberata e guarita dalla mia paura. Mi è stata donata una vita nuova e libera! Sono così felice, così infinitamente grata! In diverse situazioni ho potuto verificare che è davvero così. Sì, è avvenuto un miracolo! E ne sono seguiti un secondo ed un terzo. I miei problemi di cuore sono stati curati e, per quanto riguarda i miei svenimenti, ora li comprendo. Abbiamo pregato e ringraziato insieme per le grazie che sono state donate a noi e a tutte le persone che portavamo nel cuore. Spero che questa mia testimonianza incoraggi molte persone, in modo che portino anch’esse in questo luogo colmo di grazia i loro bisogni e le loro richieste ed affidino tutto alla Madonna. Nessuno torna da Medjugorje senza aver ricevuto qualche dono!” (Testo tratto dalla rivista “Glasnik mira”  di gennaio 2015).   

Fonte:http://medjugorje.hr/it/attualita/testimonianza-di-christe-tobler-dalla-svizzera,6350.html

Se hai ricevuto una guarigione fisica a Medjugorje ecco cosa devi fare...

Le apparizioni della Regina della Pace sono state e continuano ad essere seguite da numerose guarigioni miracolose, fisiche e spirituali.
Le guarigioni spirituali non possono essere confermate da una documentazione, ma la loro conferma viene data da una vita cristiana quotidiana.
Però per le guarigioni fisiche è possibile fornire una documentazione. In 38 anni di apparizioni, abbiamo ricevuto al santuario  tantissime  relazioni, più o meno ben documentate, su guarigioni miracolose.
Vi preghiamo di comunicarci le vostre esperienze in tal senso, presso l'ufficio parrocchiale di Medjugorje, presso l'ufficio informazioni oppure contattando alcuni sacerdoti presso il santuario.
Potete anche inviarci un resoconto utilizzando il modulo di seguito riportato.

MODULO PER LA NOTIFICA DI AVVENUTA GUARIGIONE FISICA MIRACOLOSA

Data della notifica …………………………
Nome …………………………
Cognome …………………………
Data di nascita …………………………
Nazionalità …………………………
Indirizzo …………………………
Diagnosi …………………………


DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

A) Prove della malattia
  1. Fotocopie dell'attestazione della cura della malattia in questione negli ospedali
  2. Tutte le attestazioni delle visite di controllo fino alla guarigione
  3. Tutti i referti medici delle visite di controllo
  4. Descrizione della terapia e dei farmaci e quanto tutto questo sia stato di aiuto
B. Prove della guarigione
  1. Referti delle visite di controllo dopo la guarigione
  2. Dichiarazione di specialisti sulla condizione attuale
C) Libera descrizione dei fatti
  1. La persona guarita deve fornire tutti i dettagli della guarigione (data, luogo, contesto religioso, periodo di tempo...).
Fonte:http://medjugorje.hr/it/fenomeno-di-medjugorje/medjugorje/guarigioni/

Medjugorje: E se fosse tutto vero?!?! - VIDEO

VIDEO

Parla Chiara Amirante di Nuovi Orizzonti - Video estratto dallo Speciale di Rai Due del 26 dicembre 2011 su Medjugorje "Messaggi di Maria"

mercoledì 17 luglio 2019

Il "Bollettino" di Medjugorje -Suor Emmanuell luglio 2019

NOTIZIE DEL 15 LUGLIO DA MEDJUGORJE DI SUOR EMMANUEL MAILLARD
Cari figli di Medjugorje, siano lodati Gesù e Maria!
1. Il 2 luglio 2019, Mirjana ha ricevuto la sua apparizione mensile alla Croce blu, circondata da una grande folla di pellegrini. Dopo l'apparizione, ha trasmesso il seguente messaggio:
"Cari figli, secondo il volere del Padre misericordioso, vi ho dato ed ancora vi darò segni evidenti della mia presenza materna. Figli miei, essa è per il mio desiderio materno della guarigione delle anime. Essa è per il desiderio che ogni mio figlio abbia una fede autentica, che viva esperienze prodigiose bevendo alla sorgente della Parola di mio Figlio, della Parola di vita.
Figli miei, col suo amore e sacrificio, mio Figlio ha portato nel mondo la luce della fede e vi ha mostrato la via della fede. Poiché, figli miei, la fede eleva il dolore e la sofferenza. La fede autentica rende la preghiera più sensibile, compie opere di misericordia: un dialogo, un'offerta. Quei miei figli che hanno fede, una fede autentica, sono felici nonostante tutto, perché vivono sulla terra l'inizio della felicità del Cielo. Perciò, figli miei, apostoli del mio amore, vi invito a dare esempio di fede autentica, a portare la luce là dove c'è tenebra, a vivere mio Figlio.
Figli miei, come Madre vi dico: non potete percorrere la via della fede e seguire mio Figlio senza i vostri pastori. Pregate che abbiano la forza e l'amore per guidarvi. Le vostre preghiere siano sempre con loro. Vi ringrazio!"
Come tutti i siti legati a Medjugorje, dobbiamo rinunciare a inserire qui il film dell'apparizione del 2 con Mirjana, come richiesto dalle autorità. L'obbedienza è sempre benedetta!
2. La Chiesa è in agonia. Fra di noi ci sono molte mamme. Alcune soffrono per la situazione dei loro figli, quando percorrono un cammino sbagliato. Alcune sono addirittura distrutte dal dolore. Vedo i loro volti devastati dalle preoccupazioni. A quattr'occhi mi confidano piangendo le loro pene e mi domandano di pregare. Un figlio in prigione, una figlia nella droga, un figlio alcolizzato, una figlia che divorzia...Cosa fa una madre che soffre così? non va in giro a proclamare i torti del suo bambino. Nel suo amore materno, piange e prega. Intercede con tutto il suo cuore ferito e l'amore per il figlio non diminuisce.
Che fa la Madre di Dio dinanzi ad alcuni figli prediletti? Quando i sacerdoti non seguono più la strada di suo Figlio e si smarriscono nel peccato? Anzitutto, dobbiamo affermare che esiste una maggioranza di buoni sacerdoti, che fanno tutto quello che è in loro potere per servire il Signore e i fedeli nella maniera migliore possibile. Di tutti questi, non se ne parla nei media! Per gli altri, per quelli che fanno clamore nelle cattive notizie e negli scandali, Lei piange e prega. E chiede anche ai suoi fedeli e agli "apostoli del suo amore" di fare lo stesso: compatire e pregare insieme a lei. Lei non fa l'elenco dei peccati dei suoi figli, non ne fa degli "scoop" pubblicitari da condividere nelle chiacchierate di salotto.
La Chiesa è la sposa di Cristo ed ella ha ricevuto dalla Sua stessa bocca le promesse della vita eterna. Ma esiste la Chiesa ed esistono i servitori della Chiesa. Il santo Cardinal Journet diceva: "La Chiesa è senza peccato, ma non senza peccatori. Non senza peccatori, lo sappiamo bene. E' senza peccato nel senso che, nonostante l'indegnità dei suoi ministri, mi offre tutti i soccorsi, le grazie di santificazione per la mia eterna salvezza: la messa, i sacramenti, il culto della Vergine Maria e dei santi, il magistero, ecc. E' questo il motivo per cui mantengo in lei tutta la mia fiducia."
La Madonna ha detto: "La Chiesa è mio Figlio".
E' anche scritto che "I redenti.. seguono l'Agnello dovunque vada" (Ap 14, 4). E per quali cose l'Agnello è passato qualche giorno prima di risuscitare dai morti? Durante la sua agonia, Gesù era irriconoscibile, sfigurato. Il suo viso tumefatto era coperto di sangue, di fango, di sputi... non aveva più apparenza né bellezza (Isaia 53,14). Non meravigliamoci se la Chiesa debba assomigliargli e vivere ad immagine del suo Sposo divino. Allora, parlare male della Chiesa e dei suoi servitori, significa girare le spalle a Gesù, è come dirgli : "Come sei brutto Gesù, come sei orrendo Gesù! Non posso neanche guardarti! Ti abbandono perché non ti sopporto più!".
Criticare la Chiesa, è criticare Cristo. Amare la Chiesa è amare Cristo.
La mistica francese, la venerabile Marthe Robin, ha profetizzato "Una nuova Pentecoste d'amore" per il mondo. Ma prima della prima Pentecoste, i tempi erano difficili per gli apostoli, loro dovevano nascondersi. Marthe ha detto, già ai suoi tempi (1912 - 1981) :"Stiamo andando verso l'agonia". Sì, la Chiesa segue l'Agnello...
Maria ci invita ad essere una cosa sola con la sua anima di madre, soprattutto in queste ore difficili, in cui ci sono tante miserie nel seno della Chiesa. Non si tratta di negarle, ma Maria ci invita a soffrire con lei per amore di Gesù nel profondo silenzio della vera compassione. Il suo cuore materno, trafitto da una spada di dolore, come aveva profetizzato il vecchio Simeone, attende la risurrezione. Siamo invitati a piangere in silenzio con lei e ad attendere come lei il momento della vittoria che giunge a grandi passi. Se la Chiesa oggi è in agonia, è un buon segno, significa che la sua restaurazione è vicina!
Non è il momento di lasciare la barca che affonda! E' l'ora della perseveranza dei santi.

3. Una splendida perla del Vietnam. Conoscete il giovane Marcel Van del Vietnam (1928 - 1959)? Ha vissuto una grazia eccezionale che potrebbe farci morire di invidia! Da quando aveva 14 anni, è stato formato alla vita spirituale direttamente da Teresina di Lisieux! Lui non l'ha mai vista, perché lei gli si manifestava sotto forma di una voce che udiva e che lo avrebbe guidato passo per passo verso la santità, cosa infatti che avvenne.
Teresa aveva sognato di andare in Vietnam per evangelizzare, ma il suo carisma era un altro, doveva vivere quel fuoco divino che bruciava in lei per le anime in maniera nascosta. Teresa ha definito la sua vocazione così: "Nel cuore della Chiesa, mia madre, sarò l'amore!".
Sembra che nel piccolo Van, Teresina abbia trovato l'anima ideale, capace di vivere con lei l'avventura sublime dell'intimità con il Signore Gesù e tutte le esigenze che ciò comporta per la salvezza delle anime.
Van aveva la freschezza e la spiritualità di un bambino. Sin dalla sua adolescenza, dialogava anche con Gesù, e questi dialoghi - scritti in un diario - ci fanno veramente commuovere! La tenerezza dell'innocenza si mescola a magnifiche rivelazioni. Van ci rivela l'incredibile prossimità di Gesù nella nostra vita quotidiana.
Gesù e Teresa hanno condotto Van a donare la sua vita per i sacerdoti e perché gli increduli trovino il cammino della fede. Pur vivendo nel Vietnam del Sud, devastato dalla minaccia dell'invasione comunista, Van decise di recarsi nel Vietnam del Nord, "perché ci fosse qualcuno che ami il Buon Dio in mezzo ai comunisti". Venne arrestato nel 1956 ed il 10 luglio 1959 morirà di fame in fondo ad una prigione vicino ad Hanoi. Aveva 31 anni.
Eccovi alcune 'briciole' dei suoi scritti, estratte dai suoi dialoghi con Gesù. Guardiamo insieme i suoi propositi circa la sua personale vocazione, e poi quello che racconta di Gesù circa i sacerdoti:
Gesù: in cielo, ti darò la missione di aiutare la tua grande sorella Teresa ad ispirare al mondo la fiducia nel mio amore.
Teresa: Fratellino, gioisci e sii contento di essere stato inserito nel numero degli "Apostoli dell'Amore di Dio" che hanno il privilegio di essere nascosti nel cuore di Dio per essere la forza vitale degli Apostoli missionari. Oh! Fratellino, può esserci una felicità più grande di questa? Se adesso ti scendono delle lacrime, è dovuto senza alcun dubbio perché non hai ancora compreso bene. Ma quando avrai compreso la tua vocazione e l'eccezionale favore che Dio ti ha accordato, ne sarai così felice che non saprai quali parole usare per esprimergli tutta la tua riconoscenza. Tu, fratellino, avrai sempre il compito di essere l'Apostolo nascosto dell'Amore. (Autobiografia 652).
4. Per riguadagnare il cuore dei sacerdoti.
Marcel: Piccolo Gesù, dimmi il motivo per cui ami tanto i sacerdoti? Tutte le volte che parli di loro, vedo che ne hai un grandissimo rispetto!
Gesù: E' perché i sacerdoti sono realmente degli altri me-stesso. La loro dignità è maggiore di quella di essere mia Madre. La dignità di nostra Madre Maria non è uguale a quella dei sacerdoti. Ciò nonostante, Maria è più potente, poiché è mia Madre; per cui, i sacerdoti essendo degli altri me-stesso, sono anche essi figli di Maria. In cielo, l'anima di un sacerdote sarà oggetto di venerazione di tutti i santi e di tutte le sante, compresa l'anima di nostra Madre Maria. Fratellino, sei già molto stanco, no? Va a riposarti. Scriverai un'altra volta (Colloqui 478).
"Molti sacerdoti si servono del mio nome per condurre alla perdizione un gran numero di anime. Prega per questi sacerdoti disgraziati. Io li amo comunque e li aspetto. Figlio mio! Amami al posto loro.." (Colloquio 10)
"Una cosa nonostante tutto mi consola un poco, ed è il fatto che molti sacerdoti sanno ancora amarmi... Veramente questi sacerdoti formano intorno a me come uno scudo che mi protegge dalle offese che provengono dai sacerdoti disgraziati... Ho una predilezione per questi buoni sacerdoti, fisso su di essi il mio sguardo, gioisco di loro, non smetto di essere la loro guida ed il loro sostegno. Faccio di tutto per vezzeggiarli. Essi sono sempre al mio fianco, non si allontanano mai. Bambino mio, cercami sacerdoti così!" (Colloqui 11)
Gesù: Bambino mio, piccolo apostolo del mio amore, se ti facessi vedere la pena che mi causano tutti i giorni i sacerdoti per la loro condotta nei miei confronti, forse mi domanderesti di punire sul momento questi sacerdoti disgraziati. Apostolo del mio Amore, cerca di pregare e di importi dei piccoli sacrifici per consolare il mio Cuore che ama così tanto. O mio piccolo bambino, se i sacerdoti stessi sono in rivolta contro di me, dove potrà cercare il mio amore un po' di consolazione? Prega dunque, bambino mio, prega come se tu stesso dovessi subire la mia sorte infelice. (Colloqui 25)
Piccolo apostolo del mio amore, per sfuggire alle offese che mi lanciano i peccatori, mi rifugerò presso i sacerdoti, imploro il loro soccorso, li prego di consolare il mio amore trascurato. Ohimè! Fra di loro ce ne sono alcuni che mi trattano senza cura e mi mettono alla porta, intendendo, con questo modo di fare, che non gli importa che io manifesti loro il mio amore e che le mie parole d'amore sono esagerate. Questa loro condotta, conduce le anime, loro affidate, a perdere fiducia in me. Piccolo apostolo del mio amore, nulla ferisce il mio cuore come il constatare che si perde fiducia in me. Davanti ad una situazione simile, mi ritiro nelle anime piccole, e una volta accettato da esse, le riconosco come mie spose, le prendo a mio servizio, conferisco loro la dignità di madri delle anime che desidero salvare. Dono loro una particolare impronta d'amore, faccio loro addirittura conoscere la mia disgraziata sorte... (Colloqui 27)
Piccolo amico del mio amore, poiché ti unisco completamente a me, devi soffrire con me dei trattamenti a me inflitti. Per consolare il mio amore ed espiare i peccati che i sacerdoti non cessano di commettere contro di me, accetta di buon cuore le sofferenze che ti invio, mentre dovrei inviarti gioie e dolcezze. (Colloqui 29)
Ti domando tutte queste sofferenze con l'unica intenzione di associarti a me nell'opera di santificazione dei sacerdoti, affinché, conformemente alla loro vocazione, essi lavorino con ardore al regno dell'Amore nel cuore degli uomini. (Autobiografia 867)
Gesù: Oggi devi pregare per i sacerdoti; devi ricordarti dei sacerdoti che si sono smarriti lontano dall'Amore e che camminano a piedi nudi nel fango del peccato... O mio piccolo fratellino, resta oggi vicino alla croce... abbraccia i miei piedi e non smettere di ripetere: "O Gesù, ti amo per i sacerdoti che non ti amano. Fai che il tuo Amore penetri liberamente nel più intimo del cuore dei sacerdoti." (Colloqui 477)
Le banane. 8 aprile 1946 (per capire meglio lo spirito dell'infanzia spirituale di Van!)
Marcel: Ieri durante il pasto, ho fatto al piccolo Gesù questa domanda: "Piccolo Gesù, hai mai mangiato delle banane?". Mi ha risposto ridendo: "Marcel, non sono sceso sulla terra per mangiare." Poi, venendo incontro al mio desiderio, ha aggiunto benevolmente: "Non ho mai mangiato banane e ci sono tante cose che tu mangi e che io non ho mangiato. Ma adesso, quando tu mangi qualcosa è come se le mangiassi io, poiché siamo una cosa sola tutti e due." Udendo Gesù parlare così, sono stato molto contento ed ho mangiato due banane. (Colloqui 397)
Il 10 luglio, la festa di Van, c'è stato il ritiro dei sacerdoti a Medjugorje. Possa il piccolo Van accompagnarli nei loro difficili cammini, e inspirare loro il bruciante desiderio della santità, per attirare tante anime a Dio! (Vedi PS 3)
5. Quando il veggente Ivan è a Medjugorje, raduna i sacerdoti che desiderano pregare con lui nella sua cappella all'ora dell'apparizione. Il mese scorso, uno dei nostri amici sacerdoti ne è tornato tutto radioso. Soffriva di una pesante angoscia, e tale angoscia lo ha lasciato durante l'apparizione.
Ovviamente, tali grazie non sono né automatiche né magiche, poiché Dio dona quello che vuole a chi vuole e quando vuole. In ogni modo è sempre bene sollecitare l'intercessione di Maria! Suo Figlio Gesù non le rifiuta nulla, poiché lei stessa non gli ha mai rifiutato nulla. Come Gesù, Maria sa di cosa abbiamo più bisogno, ed a quale istante è meglio farcelo avere. Una preghiera sincera è sempre esaudita, nei tempi disposti da Dio.
6. Per trascorrere l'estate mano nella mano con Maria..."Il Rosario, un viaggio che cambia la vita", con le mie meditazioni sui 30 misteri del Rosario, i 20 classici, ed in aggiunta 10 nuovi misteri, 5 sulla compassione e 5 sulla misericordia. Un eccellente mezzo per meglio conoscere le profondità del Cuore di Cristo, e di arricchire la nostra preghiera con nuove contemplazioni.
7. La nostra prossima diretta in francese sul messaggio del 2 avverrà il 3 settembre alle 21.00. Come ogni anno, le dirette non sono trasmesse in luglio ed in agosto. Quella del 3 giugno è ritrasmessa su
www.enfantsdemedjugorje.fr/medjugorje-direct-du-3-juin-201…/
Carissima Gospa, è con te che vogliamo trascorrere questa estate, per imparare da te la vera fede, quella che, secondo le tue stesse parole, ci permette di essere felici nonostante tutto, e di cominciare a vivere sulla terra la gioia celeste.
Suor Emmanuel + Comunità delle Beatitudini - Tradotto dal francese
PS1. Abbiamo avuto la gioia di avere il veggente Ivan a Medjugorje! La sera del 5 luglio, sul Podbrdo, dove eravamo stati invitati, Maria gli ha affidato il seguente messaggio:
"Cari figli, in questi tempi, desidero invitarvi in maniera speciale a decidervi per Dio. Mettete Dio al primo posto nella vostra vita e nelle vostre famiglie. Lasciate tutte le cose passeggere di questo mondo, il materialismo e tutto quello che vi allontana da mio Figlio! Decidetevi per me! Vivete i messaggi! Desidero continuare a guidarvi, a condurvi a mio Figlio, affinché in Lui possiate trovare la vera pace e il vero amore. Grazie, cari figli, per aver risposto ancora oggi alla mia chiamata".

PS2. Il Festival dei giovani a Medjugorje avrà luogo dal 1 al 6 agosto.
PS3. Presto saranno disponibili in italiano l'autobiografia e i colloqui del Piccolo Van. La Lumen Cordium sta già lavorando a questo. Dopo l'estate sapremo i tempi di pubblicazione.
PS4. La veggente Vicka sta un po' meglio, anche se deve ancora riposarsi. Ha potuto passare qualche giorno sull'Adriatico con la sua famiglia...
PS5. Dall' 8 luglio, per disposizione ufficiale di Monsignor Enryk Hoser, l'Inviato pontificio per il santuario di Medjugorje, si puo' ricevere la Santa Comunione SOLO in bocca, NON sulla mano.
PS6. Le nostre prossime missioni saranno : in Spagna a settembre, in Italia ad ottobre, in India a novembre. A Hong Kong nel luglio 2020. Che le vostre preghiere ci accompagnino per un bel raccolto spirituale! Grazie!
PS7. Non perdere :
Un DVD illustrato : 'Dai le tue piaghe a Gesù!" www.youtube.com/watch?v=XIEIT1BC8rU
E anche il DVD filmato in Albaro (VR): "Quale futuro ci prepara Maria?" https://youtube/1WJUaIDPfSw

"Il nostro scopo? il CIELO" Quattro Castella (Reggio Emilia) - 24 Marzo 2019 https://www.youtube.com/watch?v=m4PG116wi9k
PS8. L'estate è arrivata! Leggete ed offrite i libri come regali che elevino l'anima! Qualche suggerimento...:

- la nuova edizione del libro: "Medjugorje, la guerra giorno per giorno" (304 pagine) con la prefazione di P. Slavko Barbaric, edito da Lumen Cordium, al prezzo di € 14,00. Per info:
Per info: www.lumencordium.com; info@lumencordium.com o tel. +39 3355600967.

- la nuova edizione del libro: "Una storia bellissima" (96 pagine) edito da Lumen Cordium, al prezzo di € 8,00. Per info: vedi sopra.
- "Il Rosario, un viaggio che ti cambia la vita" da Lumen Cordium, € 8,50. Per info: vedi sopra
- "Scandalosa misericordia" (329 pagine) prefazione di Saverio Gaeta, edito da Lumen Cordium al prezzo di € 12,00 e in versione digitale (kindle). Per info: vedi sopra.
- "Potenza sconosciuta del digiuno, guarigione, liberazione, gioia." prefazione di P. Amorth, edito da Amen Edizioni, al prezzo di €7,00.
Per info: 338 4165475 www.edizioniamen.it - ordini@edizioniamen.it)
- "La pace avrà l'ultima parola" edito da Sugarco al prezzo di €14,80.
info@sugarcoedizioni.it Tel: 024078370
Per i vostri acquisti sul sito dell'editrice LUMEN CORDIUM: http://www.lumencordium.com/#books la spedizione è gratuita all'interno dell'UE, inoltre sono previsti sconti del 15% per acquisti superiori a 20 euro - del 20% per acquisti superiori a 35 euro - del 30% per acquisti superiori a 50 euro;
Nota Bene: Tutti i libri sono disponibili presso le librerie in Italia e su Amazon sia in formato cartaceo sia in versione digitale (Kindle)

Dall'Editrice Shalom, potete acquistare altri libri di suor Emmanuel:
"Medjugorje, iI trionfo del cuore", 7,65 € invece di 9,00 € -15%
"Il bambino nascosto di Medjugorje" 7,65 € invece di 9,00 € -15%
"Bambini, aiutate il mio Cuore a vincere!" 6,80 € invece di 8,00 € -15%
Vedi www.editriceshalom.it (Numero verde 800030405)
PS9. Seguite il programma della sera della parrocchia! Cliccate su www.centremedjugorje.org
PS10. Audio CD che ci aiutano a rimanere con Gesù e Maria in mezzo delle onde di questo mondo! (€6,00)
MARIANI 19534 La consacrazione al Cuore Immacolato di Maria, 10076 Ascoltate i miei messaggi, 13930 Cosa dice Maria sulla sofferenza, 19509 Parola della Madonna sulla famiglia, 12616 Liberazioni e guarigioni per mezzo del digiuno, 19528 Le 24 ore della Gospa,
ROSARI 19515 Il miracolo del Rosario, misteri gaudiosi, 19516 I misteri della luce, 19518 I misteri dolorosi, 19519 Misteri gloriosi, 19529 Misteri della Compassione,19530 Misteri della Misericordia, 03014 Rosario completo (MP3)
PREGHIERA 01002 La Divina Misericordia Coroncina rivelata a Suor Faustina, 13915 La gioia effetto della fiducia in Dio, 13916 Tristezza, sconforto, stress? Benedite! 19145 Adorazione, l'abbraccio di Dio, 19014 Pregare con il cuore, 19015 La preghiera che ottiene tutto, 18146 Vogliate bene ai sacerdoti,
TESTIMONIANZE 03064 (MP3 euro 9,00) La storia del villaggio di Medjugorje. 12617 Dal terrore alla gioia, 15775 Testimonianza di Draga Ivankovic, 03030 Maryam, la piccola araba, la fanciulla profeta (MP3), Maryam, la piccola araba (CD prima parte), 13925 Maryam, la fanciulla profeta dei nostri giorni (CD seconda parte),
FAMIGLIA 16556 Famiglia non ti lasciare distruggere, 16585 Prepararsi ad un matrimonio di "successo" (di Padre Tim Deeter presentato da suor Emmanuel), 16584 Una famiglia per guarire "dentro" (di Pascal Maillard),
MORTE 12618 Il sorprendente segreto delle anime del purgatorio, 13288 Quando la morte ci separa da quelli che amiamo, 13289 Quando l amore passa attraverso la morte, 13911 Consacra la tua morte, 19531 Perché avere paura?
SPIRITUALITA 01001 Bambino Gesù, mio Dio, mio bambino, 13291 Gli angeli, realtà e supporto, 13292 Shalom, pace, 13914 I segni, conferma ed avvertimenti, 13917 Marylin Monroe o Santa Teresina, 13918 LUI ha vinto la nostra angoscia, 13926 Superare le prove alla scuola di San Giuseppe, 18522 La confessione: riconciliazione con se stessi, con il prossimo e con Dio (coppia di CD), 18527 La più bella Messa della mia vita, 12203 Reiki, una trappola! CD La Pace (9 capitoli scelti dal libro "La pace avrà l'ultima parola")
DVD: 046 Dall'angoscia alla gioia (testimonianza di suor Emmanuel) €12,00.
Questi prodotti possono essere acquistati nelle librerie cattoliche oppure ordinati alla coop. VOCEPIU /ODOS, Corso Manusardi 5, 20136 Milano, tel 02/58301229, vocepiu@odos-servizi.it
PS11. Per ricevere le notizie mensili di Suor Emmanuel
- Inglese e tedesco, scrivete a commentscom@childrenofmedjugorje.com
- Francese (versione originale), scrivete a gospa.fr@gmail.com
- Spagnolo , scrivete a gospa.espanol@gmail.com
- Italiano, scrivete a gospa.italia@gmail.com
- Croato, scrivete a djeca.medjugorja@gmail.com
- Portoghese, scrivete a medjugorje.portugal@gmail.com
- Cinese (nuovo!), scrivete a ch.gospa@gmail.com
- Olandese, scrivete a gclaes@scarlet.be
- Arabo, scrivete a friendsofmary@live.com

Fonte:https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2404460456263902&set=a.103298073046830&type=3&theater

Un segno straordinario come dono di Dio- A Medjugorje la testimonianza di Umberto

La mia conversione avvenne nell’Agosto del 2008, quando decisi di partire per la prima volta per Medjugorje. Tantissime erano le domande che mi affliggevano sull’esistenza di Dio e che da alcuni anni mi portavano ad allontanarmi dalla Chiesa: non andavo a Messa (le uniche volte erano per Natale, Pasqua e qualche funerale). Calunniavo l’istituzione della Chiesa, offendevo i preti e il papa, ma soprattutto bestemmiavo. Come il fumo, l’alcol o il gioco d’azzardo, la bestemmia può diventare un vizio. E per me, lo era.

Ero arrivato al punto di bestemmiare senza neanche rendermi conto di farlo; ormai era parte del mio linguaggio. Partii con parecchie curiosità, ma soprattutto con il grande desiderio scoprire chi era o cosa fosse la Verità per me; sentivo che non ne sarei rimasto deluso. Inizialmente il viaggio è stato un po’ pesante, con tutto l’autobus che pregava e cantava, e io che mi annoiavo perché volevo dormire o ascoltare la musica. Ma, nonostante tutto, cercavo il più possibile di conformarmi al gruppo e pregare con loro, anche se non sapevo neanche come si usasse un Rosario.

Arrivati a Medjugorje notai subito un’atmosfera diversa, un “qualcosa” che prima d’allora non avevo mai provato. È incredibile pensare che durante il viaggio uscivano dalla mia bocca solo parole, mentre ora cominciavo a pregare con il cuore. I giorni, durante il meraviglioso Festival dei giovani, passarono in fretta: la mattina tra canti, balli e testimonianze; e la sera tra Rosario, Messa e Adorazione Eucaristica. È proprio da quest’ultima che ho sentito veramente toccare il mio cuore. Quella piccola Ostia, esposta, era in grado di compiere grandi cose. Il mio cuore si scioglieva ogni volta che la guardavo. Ogni sguardo era come un raggio di sole che pian piano illuminava il mio cuore……..

………..Vi fu una mattina che, prima di andare sul monte Podbrdo, ci fermammo sotto la casa di Vicka. Ero riuscito ad intrufolarmi fra la gente e a mettermi di lato alla scala da dove Vicka parlava. Era vicinissima a me. Aveva qualcosa di non comune, difficile da spiegare. Aveva gli occhi così profondi, e un sorriso così splendente che non riuscivi a smettere di fissarla e a ridere anche tu senza capire il perché. Quando mi ha imposto le mani sulla testa, il mio cuore si è letteralmente aperto, sprigionavo gioia da tutte le parti. Il viso di Vicka era davvero l’espressione dell’amore che la Gospa ha per noi, suoi figli.

Quell’amore che avvertivo costantemente, ma che si incarnava ogni volta che partecipavi ad una apparizione. In quei momenti, davvero il paradiso era in mezzo a noi, ed è proprio in quei brevi minuti che comprendi l’eternità del Paradiso, e ti rendi conto che tutto è reale, le apparizioni sono reali, Dio è reale. Prima di partire e durante quei giorni, pensavo di aver bisogno, e quindi ottenere, un miracolo per poter credere totalmente. Ma non è stato così: non ho mai visto nessun segno straordinario a Medjugorje, e la cosa mi aveva reso molto deluso. Guardavo continuamente il cielo, il sole, la croce del Krizevac, ma niente: l’unica cosa che ottenevo era un bel dolore agli occhi subito dopo.

Ma poi, col tempo ho capito che nessun segno mi sarebbe servito per la mia conversione. Dio ha preferito agire direttamente nel mio cuore, come da tempo cercava di fare, mentre io gli avevo sempre chiuso le porte del mio cuore. Ma a Medjugorje ho cominciato ad ascoltare la sua voce che è Verità: “Chiunque è dalla Verità ascolta la mia voce”, dice Gesù. Un segno straordinario come dono di Dio, certamente rafforza la tua fede, ma se non apri il tuo cuore alla Verità, se non hai permesso a Dio ti parlarti, allora nessun miracolo straordinario potrà mai cambiarti. Una guarigione fisica non è nulla a confronto alla guarigione spirituale.

La conversione del cuore, questo è quello che vuole che vuole Dio, ed è proprio per questo che la Madonna appare da 30 anni, per richiamare tutta l’umanità a suo figlio Gesù, supplicandoci sempre con i suoi messaggi alla conversione del cuore. Questa è stata una mia piccola testimonianza del mio primo pellegrinaggio. Le altre volte che ho fatto ritorno a Medjugorje, ho avuto la conferma di tutto quello che ho sperimentato la prima volta, ma, soprattutto, ho capito tante cose che dopo il mio primo viaggio non avevo capito o accettato.

Medjugorje non è il punto di arrivo della nostra conversione, bensì il punto di partenza, l’inizio di tutto, perché la nostra conversione, nonostante tante difficoltà, la costruiamo qui, nella vita di tutti i giorni. Ringrazio la Mamma celeste che, prendendomi per le orecchie, mi ha portato fino a casa sua, a Medjugorje, dove mi ha presentato e offerto gratuitamente la Verità, cioè Gesù.



Il messaggio più importante di Medjugorje e le tre tappe che Maria ci indica per guarire il cuore

VIDEO

Saverio Gaeta al XIII Convegno Nazionale degli Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace - ASSISI febbraio 2019 Estratto dal video di: Medjugorje Misericordia