Translate

sabato 25 maggio 2024

Messaggio del 25 maggio 2024- Medjugorje

 




Messaggio del 25 maggio 2024 dato alla veggente Marija

"Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito alla preghiera col cuore. Figlioli, create i gruppi di preghiera nei quali vi esorterete al bene e crescerete nella gioia. Figlioli, siete ancora lontani. Perciò convertitevi sempre di nuovo e scegliete la via della santità e della speranza affinché Dio vi doni la pace in abbondanza. Grazie per aver risposto alla mia chiamata."


giovedì 25 aprile 2024

Messaggio del 25 aprile 2024 della Regina della Pace- MEDJUGORJE



Il messaggio della REGINA DELLA PACE attraverso Marija Pavlović-Lunetti del 25 aprile 2024.- MEDJUGORJE

''Cari figli! Sono con voi per dirvi che vi amo e vi esorto alla preghiera perché satana è forte e ogni giorno la sua forza è sempre più forte attraverso coloro che hanno scelto la morte e l’odio. Voi, figlioli, siate preghiera e le mie mani d’amore tese per tutti coloro che sono nelle tenebre e cercano la luce del nostro Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.'' (Fonte ufficiale della Parrocchia di Medjugorje)

lunedì 8 aprile 2024

Preghiera per il giorno dell’Annunciazione del Signore: "Sia benedetto, o Maria....




 Preghiera


I. Sia benedetto, o Maria, quel saluto celeste, che vi diede nell'annunziarvi l'Angelo di Dio.

Ave Maria :
Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

II. Sia benedetto, o Maria, quella grazia sublime di cui piena vi predicò l'Angelo di Dio.

Ave Maria :
Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

III. Sia benedetto, o Maria, quell'annunzio felice, che dal cielo vi recò l'Angelo di Dio.

Ave Maria :
Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

IV. Sia benedetta, o Maria, quella profonda umiltà, con cui vi dichiaraste Ancella di Dio.

Ave Maria :
Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

V. Sia benedetta, o Maria, quella perfetta rassegnazione, con cui v'assoggettaste al volere di Dio.

Ave Maria :
Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

VI. Sia benedetta, o Maria, quell'Angelica purità, con cui riceveste nel vostro seno il Verbo di Dio.


Ave Maria :
Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.


VII. Sia benedetto, o Maria, quel beato momento, in cui della vostra carne vestiste il Figliuolo di Dio.

Ave Maria :
Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

VIII. Sia benedetto, o Maria, quel fortunato momento in cui diveniste madre del Figliuolo di Dio.

Ave Maria :
Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

IX. Sia benedetto, o Maria, quel sospirato momento, in cui cominciò l'umana salute con l'Incarnazione del Figliuolo di Dio.

Ave Maria :
Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

sabato 6 aprile 2024

A Medjugorje hai la sensazione di esser giunto nella tua vera casa… E ti dimentichi di tutto!!- TESTIMONIANZA




 Testimonianza su Medjugorje


Era un giorno di agosto 2009.
Nel tardo pomeriggio (verso le 18) io e alcune altre persone del mio gruppo siamo andati alla Croce Blu, che si trova ai piedi della collina delle apparizioni, il Podbrodo. Qui ci siamo uniti ad altri pellegrini presenti e abbiamo iniziato a recitare il Rosario. Il tempo era stato variabile per tutta la giornata, ma mentre recitavamo il Rosario era diventato piuttosto nuvoloso, e addirittura si iniziavo a sentire dei tuoni. Alcune persone, anche del mio gruppo, sentendo che i tuoni continuavano, preoccupate si sono incamminate per tornare verso casa. Anch’io e alcuni amici ci stavamo incamminando, ma la nostra capo gruppo ci ha fatto segno di andare da lei…era un po’ più in alto sul monte, insieme ad altri del nostro gruppo, dietro la croce blu, dove c’era meno gente, e ci ha detto di aspettare ad andare via perché era proprio l’ora dell’apparizione (si erano fatte le 18.40) ed era bello mettersi in preghiera in quest’ora. Cosi ci siamo messe vicine, pregando. Nel momento dell’apparizione ci siamo inginocchiati. In quel momento ho alzato gli occhi verso il cielo, che era nuvoloso…in quel momento si è aperto uno squarcio tra le nuvole ed è uscito il sole…si poteva guardare ad occhio nudo ed ha iniziato a girare su se stesso, e a cambiare colore…diventava da blu a rosa, a giallo-oro… e aveva davanti come una grande particola che copriva tutta la circonferenza! Come a significare che è Gesù Eucarestia la vera Luce del mondo!
Il miracolo è durato qualche minuto, il tempo dell’apparizione, poi il sole è tornato ad essere normale…accecante e non lo si poteva più guardare ad occhio nudo. Dopo questo momento le nuvole sono sparite e c’è stato il sole fino a sera.
Ma a Medjugorje quello che più colpisce non sono i fenomeni del sole… Ma è la Pace che si sperimenta nel cuore! A Medjugorje, si sente la presenza di Maria nell’aria…si respira la Pace…e non è solo una sensazione, è una cosa che ti pervade, ti entra nell’anima, ti viene voglia di respirare a pieni polmoni quell’aria nella speranza di far penetrare più a fondo nell’anima quella Pace incredibile che senti palpitare nell’aria.
E’ una cosa che senti che non viene da te, ma da qualcun Altro… E’ come se tu avessi la consapevolezza di essere una pozzanghera, sulla quale tutto d’un tratto si apre una cascata…e l’acqua di questa cascata riempie la pozzanghera, e non solo, ma continua a sgorgare senza sosta invadendo tutto ciò che incontra. Così anche tu piccola pozzanghera sei totalmente riempita di questa nuova acqua fresca e zampillante…che sai che, pur essendo piena di quest’acqua, quest’acqua non viene da te, tu non sei in grado di produrla, non sei in grado di produrre una cosa così grande, non viene da te, ma è qualcun altro che te la dona… e sai che quell’acqua di cui sei piena non è tutta l’acqua che esiste, ma solo una piccola parte, perché Colui che ti sommerge in realtà è una fonte inesauribile, come una sorgente è fonte inesauribile di acqua…
A Medjugorje poi ti senti a casa, hai la sensazione di essere a Casa, di essere al sicuro e protetto… Sei a chilometri e chilometri di distanza dalla tua casa e dai tuoi cari, ma hai la sensazione di esser giunto nella tua vera casa… E ti dimentichi di tutto!! Non solo di tutti i problemi e le preoccupazioni, ma anche delle cose che ami!! Perché qui è come essere nell’anticamera del Paradiso! E se pensi che questo è solo quello che puoi provare sulla terra e che il Paradiso sarà infinitamente meglio…..
Questa è la mia piccolissima testimonianza, spero che attraverso la grazia del Signore queste mie parole possano portare un briciolo di bene nei cuori di chi le legge.
F. I.

giovedì 28 marzo 2024

INIZIA IL "TRIDUO PASQUALE": COS'E'?- SPIEGAZIONE


 IL GIOVEDI' SANTO

Durante la mattina del Giovedì Santo viene celebrata un'unica Messa (detta Messa del Crisma) in ogni diocesi, nella chiesa cattedrale, presieduta dal vescovo insieme a tutti i suoi sacerdoti e diaconi. In questa messa vengono consacrati gli Oli santi e i presbiteri rinnovano le promesse effettuate al momento della loro ordinazione.

INIZIO DEL "TRIDUO PASQUALE"
Il solenne Triduo Pasquale della passione, morte e risurrezione di Cristo inizia nel pomeriggio del Giovedì Santo. In ora serale si celebra la solenne Messa della Cena del Signore, nella quale si ricorda l'Ultima Cena di Gesù, l' istituzione dell'Eucarestia e del sacerdozio ministeriale, e si ripete il gesto simbolico della lavanda dei piedi effettuato da Cristo nell'Ultima Cena. Alla fine della messa i ministri cambiano il colore liturgico (assumendo il colore viola) e ha luogo il rito della spoliazione degli altari e la velatura delle croci. Gli altari restano senza ornamenti, le croci velate e le campane silenti. La croce verrà scoperta il giorno dopo, il Venerdì Santo durante la parte delle speciale cerimonia che (in quel giorno e solo in quel giorno) sostituisce l'adorazione della croce alla liturgia eucaristica.

IL VENERDI' SANTO. Il Venerdì Santo è il giorno della morte di Gesù sulla Croce. La Chiesa celebra la solenne azione di memoria della Passione del Signore, divisa in tre parti: 1) La Liturgia della parola, con la lettura del canto del servo del Signore di Isaia (52,13-53,12) e della Passione secondo Giovanni; 2) L'adorazione della croce; 3) La Comunione con i presantificati (ostie consacrate il Giovedì Santo). Il Venerdì Santo è tradizione effettuare, in molti posti per le strade, il pio esercizio della Via Crucis. La Chiesa Cattolica pratica il digiuno e si astiene dalle carni come forma di partecipazione alla passione e morte del suo Signore.

IL SABATO SANTO.
Il Sabato Santo è tradizionalmente giorno senza liturgia: non si celebra l'Eucaristia, e la comunione ai malati si porta solamente a quelli in punto di morte. Nella notte si celebra la solenne Veglia Pasquale, che è la celebrazione più importante di tutto l'Anno Liturgico. In essa si celebra la Resurrezione di Cristo attraverso la Liturgia della Luce: al fuoco nuovo si accende il Cero Pasquale, che viene portato processionalmente in chiesa; durante la processione si proclama la Luce di Cristo, e si accendono le candele dei fedeli. All'arrivo al presbiterio il cero è incensato e si proclama l'Annuncio Pasquale o Exultet. La Liturgia della Parola ripercorre con sette letture dell'Antico Testamento gli eventi principali della storia della salvezza, dalla creazione del mondo attraverso la liberazione del popolo d'Israele dalla schiavitù d'Egitto, alla promessa della Nuova Alleanza. L'Epistola proclama la vita nuova in Cristo risorto, e nel Vangelo si legge il racconto dell'apparizione degli angeli alle donne la mattina di Pasqua. Segue la Liturgia battesimale, nella quale tutti i fedeli rinnovano le promesse del proprio battesimo, e vengono battezzati, se ce ne sono, i catecumeni che si sono preparati al sacramento. La Liturgia Eucaristica si svolge come in tutte le messe.

LA DOMENICA DI PASQUA.
La domenica di Resurrezione torna a riecheggiare la gioia della Veglia pasquale. Le donne che vanno a completare la pietosa sepoltura trovano la tomba vuota: Gesù non è più lì. Tale domenica è ampliata nell'Ottava di Pasqua: la Chiesa celebra la pienezza di questo evento fondamentale per la durata di otto giorni, concludendo la II^ Domenica di Pasqua, chiamata fin dall'antichità "Domenica in Albis", che Giovanni Paolo II ha voluto dedicare al ricordo della Divina Misericordia.

LA SETTIMANA SANTA NELLA TRADIZIONE POPOLARE.
In tutto il mondo cattolico, la tradizione popolare della Settimana Santa è ricchissima di canti, poemi, raffigurazioni e rievocazioni sceniche della Passione di Gesù, che spesso affondano le loro radici fin dai primi secoli del Cristianesimo. La letteratura italiana è ricca di opere, scritte in prosa e soprattutto in poesia, di autori noti ed anonimi, ispirate ai Vangeli che trattano la Passione di Cristo, dal suo ingresso trionfale a Gerusalemme, alla morte in croce, alla sepoltura e alla resurrezione dai morti (vedi ad esempio il celebre "Stabat Mater" o anche alcune "Laudi" di Jacopone da Todi, risalenti al XIII secolo). Le vicende umane e divine di Cristo, rievocate nella Settimana Santa, hanno ispirato l'opera non solo di numerosi scrittori e poeti, di ogni parte del mondo, ma anche di musicisti, pittori, scultori, architetti, artisti in genere. In Italia numerosissime e spesso particolarmente suggestive sono le rappresentazioni della Settimana Santa, diffuse praticamente in ogni regione, nelle quali si mescolano gli elementi più strettamente religiosi a componenti locali tipiche dei singoli paesi o città.

COMMENTO AL MESSAGGIO DEL 25 MARZO 2024 DI PADRE MARINKO- MEDJUGORJE




 COMMENTO DI PADRE MARINKO AL MESSAGGIO DELLA MADONNA DA MEDJUGORJE DEL 25 MARZO 2024

“Cari figli! In questo tempo di grazia pregate con me affinché il bene vinca in voi e attorno a voi. In modo particolare, figlioli, pregate uniti a Gesù sulla Sua via Crucis. Mettete nelle vostre preghiere quest’umanità che vaga senza Dio e senza il Suo amore. Siate preghiera, siate luce e testimoni per tutti coloro che incontrate, figlioli, affinché Dio misericordioso abbia misericordia di voi.
Grazie perché avete risposto alla mia chiamata”.
1. In questo tempo di grazia pregate con me affinché il bene vinca in voi ed attorno a voi.
Potremmo pensare che i tempi in cui viviamo siano difficili. È vero, ma la Madonna ci dice che questo è tempo di grazia. Non dobbiamo dimenticarlo! Anche se è difficile, viviamo ancora in un tempo di grazia. Noi, esattamente noi, tu ed io, viviamo in un tempo speciale in cui il Cielo ci si apre in modo speciale, quando Madre Maria ha deciso di accompagnarci nel nostro viaggio e cambiare questo mondo con noi, con te e me. Come restarne indifferente?
La Madonna dice: “Pregate!” Nel cambiare il mondo, la Madonna parte sempre dalla preghiera. Niente senza la preghiera!
"Pregate con me!" La Madonna vuole che preghiamo con Lei. Quindi la Madonna prega. D'ora in poi, quando preghiamo, prendiamo coscienza che stiamo pregando con la Madre. Non siamo soli ma con la Madonna.
La Madonna prega "che il bene vinca in noi e attorno a noi". Quando preghiamo, la nostra intenzione sia la stessa: che il bene vinca in noi, in te e in me, nella tua famiglia, attorno a noi, nel nostro paese, città, parrocchia, stato, mondo.
Cosa è il bene?
Quando l'amore, la comprensione, la fiducia e l'accettazione degli altri regnano nella tua famiglia – questo è il bene. Quando c’è pace, unione e comunione – questo è il bene. Quando pensiamo agli altri e aiutiamo gli altri – questo è il bene. Quando non dimentichiamo la preghiera e l'Eucaristia – questo è il bene. Quando alleviamo i bambini affinché vivano con Gesù – questo è il bene.
Cos'è il peccato?
È un peccato quando quel bene viene distrutto. Quando non c'è unità, pace, gioia, fiducia nella famiglia - questo è un peccato. Perché il bene è stato distrutto, ciò che è sano e bello è stato distrutto.
Se la Madonna dice "vinca il bene", significa che stiamo parlando di un combattimento. Sappiamo che a volte combattiamo dentro di noi per il bene: quando veniamo attaccati da qualche cattivo pensiero verso un'altra persona, dall'invidia, dall'odio, dalla mancanza di perdono... Quando c'è una lite in famiglia, quando non c'è conversazione... Quando i bambini e i giovani si confrontano con nuovi fenomeni imposti dall’ideologia di genere...
Chi vincerà questa battaglia? Chi e cosa vince in te, nel tuo cuore? Nella tua famiglia?
Preghiamo con la Madre affinché il bene vinca in noi e intorno a noi!
2. In modo particolare, figlioli, pregate uniti a Gesù sulla Sua Via Crucis.
La Madonna ci insegna come pregare: unirci a Gesù nella Sua Via Crucis. In questo ci è di esempio lei: Maria. Ella ha seguito Gesù, gli è rimasta fedele, unita a lui e alla sua sofferenza anche quando tutti lo lasciavano, quando lo condannavano, lo frustavano, gli sputavano addosso, lo insultavano. Fino alla croce e alla morte. E ancora più lontano: nella tomba! E poi quando, secondo la comprensione umana, non era possibile altro pensiero che: è finito! Non è rimasto niente! Delusione e disperazione!
Ma nonostante tutto ciò, Maria perseverò, rimase fedele a Gesù. E alla fine? Risurrezione! La vita ha vinto, la luce è stata più forte dell'oscurità, l'amore dell'odio.
La via crucis di Gesù, e soprattutto la crocifissione e la morte in croce, sono per noi una scuola. Scuola di libertà e di amore! E quando gli gridano la Domenica delle Palme: Osanna! E quando già cinque giorni dopo gridano dalle vene dei calcagni: Crocifiggilo! In tutto questo Gesù rimane libero. Sulla croce, circondato da ogni parte da odi, insulti, sputi, Gesù rimane libero. Prega per coloro che lo hanno crocifisso affinché il Padre li perdoni.
In mezzo all’odio, Gesù ama. Che scuola è per tutti noi, per i nostri figli, per i giovani, per gli sposi, per i sacerdoti! In Occidente tolgono le croci dalle stanze e dicono: La croce non deve essere messa davanti ai bambini per vedere una cosa così terribile! Cosa e chi metteremo davanti ai bambini e ai ragazzi? Quali modelli di ruolo?
Ai piedi della croce gridarono a Gesù: “Salva te stesso!” Non sentiamo sempre più spesso oggi voci così: pensa solo a te stesso! Salvati! Godere! Non mi importa degli altri! Fammi solo sentire bene!
Metteremo davanti ai bambini e ai giovani persone così egoiste che pensano solo a se stesse? Permetteremo loro di crescere secondo un'ideologia di genere che offre tutto ciò che è contro la volontà di Dio?
Ecco perché la Madre vuole che ci uniamo a Gesù sulla Sua Via Crucis per rimanere liberi, conoscere il vero amore, lasciarci ispirare da esso e sforzarci di vivere di quell'amore!
3. Mettete nelle vostre preghiere quest’umanità che vaga senza Dio e senza il Suo amore.
La Madonna vuole che preghiamo per l'umanità. Perché? Perché «vaga senza Dio e senza il Suo amore». L'umanità vaga. Ciò significa che non c'è cartello (l'indicazione), che ha perso e dimenticato il cartello (l'indicazione), la parola di Dio, i Dieci Comandamenti, il Vangelo. Ecco perché molte persone non sanno più cosa è vero, cosa è giusto e come vivere correttamente. Vanno "per le fragole con la bocca aperta" e accettano tutto ciò che i media e la morale assurda offrono loro senza la minima critica.
Ogni giorno la nostra intenzione nella preghiera sia questa: per il mondo in cui viviamo, che questo mondo trovi Gesù che è la Via, la Verità e la Vita.
4. Siate preghiera, siate luce e testimoni per tutti coloro che incontrate, figlioli, affinché Dio Misericordioso abbia misericordia di voi.
La Madonna vuole aiutare questo mondo, ma non può farlo senza di noi! Questo è il messaggio fondamentale di Medjugorje. La Madonna vuole essere preghiera, luce e testimonianza per le persone, ma può farlo solo attraverso di noi, attraverso me e te. Lei vuole dire ad ogni uomo: Tu sei figlio di Dio e mio! Dio ti ama, Dio ti perdona! Non dimenticare Dio e i valori eterni! Non dimenticare l'amore di Dio, il Dio che ti ha creato con un amore indescrivibile, che ha dato la sua vita per te, che vuole che tu sia con Lui per sempre.
La Madonna vuole dire tutto questo ad ogni persona sulla Terra, ma può dirlo solo attraverso me e te. Deciditi, scegli! Se scegli la Madre e il Suo cammino, buona fortuna a te e alla tua famiglia! Contateci: non è un cammino facile, ma riempie il cuore di una felicità indescrivibile. Perché cosa c'è di più bello e di più dolce che essere le mani, gli occhi, la voce della Madonna...

lunedì 25 marzo 2024

MESSAGGIO DEL 25 MARZO 2024 - MEDJUGORJE


 Messaggio del 25 marzo 2024 attraverso la veggente Marija.

Cari figli! In questo tempo di grazia pregate con me affinché il bene vinca in voi ed attorno a voi. In modo particolare, figlioli, pregate uniti a Gesù sulla Sua via crucis. Mettete nelle vostre preghiere quest’umanità che vaga senza Dio e senza il Suo amore. Siate preghiera, siate luce e testimoni per tutti coloro che incontrate, figlioli, affinché Dio misericordioso abbia misericordia di voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.